Econauta
Viaggio in Corsica
2 - 9 Dicembre 2017
 
Trekking Viaggi Nomadi
 
Corsica
Viaggio in Corsica - L’Isola dove si respira Libertà

Itineranti alla scoperta dell’Isola Bella

Una settimana per conoscere la Corsica girovagando tra mari e monti.
Un andare curioso e rispettoso dentro scenari naturali maestosi ed armonici,
visitando paesi che conservano le tradizioni e l’anima della fiera gente di Corsica.
Ogni sera ci fermeremo in un paese o una città diversa per vivere le varie realtà dell’Isola.

In Corsica si respira il Mare e l’aria fina di Montagna,
e anche quando si è circondati da alte vette l’anima Isolana è sempre presente
con il suo fascino selvaggio e ribelle che si nutre di Libertà.

La Corsica è natura maestosa e incredibilmente varia.
Nei grandi spazi dell’interno affascinano le ardite vette e i colori cangianti del bosco
con gli imponenti pini larici e i secolari castagni.
Lungo la costa le essenze della macchia e il salmastro del Mare profumano
grandi spiagge e grandiose scogliere.
Ma la Corsica è anche la storia dei suoi fieri abitanti, con le tracce della preistoria,
le cittadelle militari e gli arcigni borghi di montagna che profumano di legna.

In Corsica si ascolta il silenzio e si respira aria pura,
ma su tutto domina sempre un potente vento di Libertà.

Programma

Giorno 1 - Arrivo a Bastia

Ritrovo al porto di Livorno alle ore 12,30.
Alle 14 partenza in traghetto da Livorno, navigazione di 4 ore e arrivo a Bastia alle 18.
Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

Giorno 2 - CapiCorsu, l’Isola nell’Isola.
Da Bastia a San Fiurenzu tra Coste selvagge e Torri di avvistamento.

Si lascia Bastia e si risale Capi Corsu dalla strada costiera fino a Macinaghju.
Da qui partiamo per un breve trekking fino alla spiaggia di Santa Maria per vedere la Torre mozza e la chiesa di Santa Maria a Chjappella. Tornati a Machinaghju si riprende il nostro minibus e si sale a Rogliano per visitare i borghi di Magna Sottana e Magna Suprana.
Di nuovo in strada si scende fino a Barcaghju, per ammirarne le dune ricoperte di sparto, i ginepri e la grande spiaggia dove pascolano indisturbate le mucche. Visita al vicino borgo marinaro di Tollare, poi si risale di quota per una classica sosta al mulino Mattei e ritorniamo al mare per visitare il delizioso micro borgo marinaro di Centuri.
Si prosegue lungo la strada panoramica fino a Pino da dove risaliamo fino al colle di Santa Lucia e da qui con un breve trekking raggiungiamo la Torre di Seneca. Tornati al minibus si prosegue verso Sud dal lato Ovest del Capo, lo splendido panorama ci consiglia numerose soste tra cui una imperdibile a Nonza per ammirarne la torre e la famosissima spiaggia dalle tante scritte.
Ancora gran panorama fino ad arrivare a San Fiurenzu per passare la serata nel bel paese di mare affacciato sul grande golfo.

Giorno 3 - L’Arcigno Nebbio e la Fiera Balagna.
Da San Fiurenzu a Calvi.
Lasciamo San Fiurenzu per attraversare la regione di Patrimonio famosa per i suoi vigneti e poi dal colle di Teghime si sale sul culmine di Serra di Pigno a 958 slm per ammirare l’Arcipelago Toscano e tutto CapiCorsu dall’alto.
Procediamo verso Oletta per raggiungere ed ammirare la magnifica chiesa romanica di San Michele a Murato. Da qui si prosegue percorrendo stradine panoramiche sotto le pendici del Monte Buggientone, dove numerosi volano i nibbi reali e poi si scende fino a Ponte Novu per un doveroso omaggio ai patrioti Corsi.
Continuiamo il nostro viaggiare passando per Pietralba e raggiungiamo Ostriconi per una sosta sulla grande spiaggia bianca. Lasciato il Nebbio si riparte per visitare la Balagna con i suoi minuscoli borghi. Si sale da Palasca fino a Olmi per poi proseguire verso Speloncato, Strambolaccie, Sant’Antonino e Pigna.
Una volta ritrovata la costa, percorriamo la strada che ci porta alla bella Calvi per il pernottamento.

Giorno 4 - Paesaggi e colori d’incanto.
Da Calvi a Ajaccio. La Scandola, i calanchi, Evisa e la foresta di Aitone, Cargese, Ajaccio.

Raggiungiamo il santuario della Madonna de La Serra, per ammirare la bella panoramica su Calvi ed il suo golfo. Proseguiamo lungo costa in direzione Sud ammirando i bei paesaggi della baia di Crovani e Punta di Ciuttone, fino ad arrivare a Galeria per una breve passeggiata fino alla Punta di Muvareccia. Ripartiamo passando sopra il fiume Fango per attraversare uno dei tratti più belli della Corsica, con gli straordinari panorami sul golfo della Girolata e sulla Scandola. Avanzando lentamente e con tante pause per godersi lo straordinario spettacolo naturale, arriviamo a Porto.
Dopo un’immancabile passeggiata sulle Calanche, ripartiamo con il minibus per risalire verso le alte vette dell’Isola, passando dalle cascate di Spelonca e da Evisa, per poi attraversare la maestosa foresta d’Aitone con grandi pini larici, uno dei simboli di Corsica. Arriviamo fino ai 1477 metri del Colle di Vergio, il passo asfaltato più alto della Corsica e poi iniziamo a scendere fino a Cristianacce, per poi valicare i 1101 metri del Colle di Sevi e proseguire tra grandiosi panorami fino a ritrovare il mare a Sagone. Raggiungiamo la Torre della Parata per godersi il tramonto sulle Isole Sanguinarie ed in serata arriviamo ad Ajaccio per il pernottamento.

Giorno 5 - Sulle tracce degli Antenati.
Da Ajaccio a Bonifaziu. la Bastelica, Filitosa, Bonifaziu.

Lasciata Ajaccio, si risale la regione di Gravona passando da Carbuccia, Ucciani e Bocognano. Da qui passando sotto le pendici del Monte Renoso, raggiungiamo Bastelica, il paese di Sampiero Corso “il più Corso dei Corsi”. Dopo una sosta alle cascate di Aziana, scendiamo fino ad Albitreccia per poi raggiungere il famoso sito preistorico di Filitosa. Passaggio veloce da Propriano e poi visita alla bella ed austera Sartene. In serata arrivo nella magnifica Bonifacio per il pernottamento.

Giorno 6 - Nel cuore della Corsica verso le vette dove volano le aquile e i gipeti.
Da Bonifaziu a Corti.
In mattinata visita a Bonifacio con i suoi vicoli e i camminamenti militari che fiancheggiano le alte pareti del fiordo e proseguono sul lato esterno verso Capo Pertusato. Dall’alto si ammira un panorama straordinario che si estende sulle Isole di Cavallo, Lavezzi, l’Arcipelago Maddalennino e il Nord della Sardegna. Riprendiamo il viaggio dall’interno in direzione del paese di Carbini, si risale il cuore della Corsica passando da Zonza, Quenza, Serra di Scopamene e si valica il Colle di Vacca. Gli scenari sono austeri e vasti, passiamo sotto l’imponente massiccio del Monte Incudine e poi sempre circondati da scenari maestosi, raggiungiamo il borgo di Zicavo. Risaliamo tra le regioni di Fiumorbo e La Bastelica, valicando anche i 1289 metri del Colle Verde, per poi addentrarci nella selvaggia foresta di Marmano e poi arrivare a Ghisoni. In questa zona è possibile avvistare i grandi rapaci. Si riprende il cammino passando dal Colle di Sorba, per poi scendere a Vivario e dopo essere passati da Venaco, arriviamo a Corte la capitale della Corsica, dove pernotteremo.

Giorno 7 - La Terra di Pasquale Paoli.
Da Corti a Bastia. Attraverso la Casinca e la Castagniccia.

Dopo aver visitato la Cittadella di Corte con la sua atmosfera densa di storia, scendiamo la valle del Tavignano fino a Cavalli, da dove deviamo per visitare i paesini di Licciola, Linarellu e Casevecchje. Proseguiamo verso il mare facendo una sosta ad Alèria dove si trova il famoso sito archeologico della città Etrusca di Alaiae poi si raggiunge lo stagno di Urbino, una interessante oasi naturalistica con un isolotto all’interno dove si trova un carcere francese malfamato. Risaliamo la costa fino a Campo Loro e poi iniziamo a visitare la Castagniccia nel territorio di Moriani, dove faremo una passeggiata per raggiungere la Cappella di San Mamilianu da cui si vede Montecristo. Si risale nell’interno passando da tanti piccoli borghi per poi fermarsi nella bella Morosaglia il paese natale di Pasquale Paoli, il Babbo della patria Corsa. Dalla Castagniccia passiamo alla Casinca sostando a Vescovato, per poi raggiungere in serata Bastia e pernottare.

Giorno 8 – Viaggio di ritorno
Mattinata dedicata alla visita della città vecchia di Bastia.
Alle 14 partenza in traghetto da Bastia, navigazione di quattro ore e arrivo a Livorno alle 18.


Prezzo
1.150 € a persona
Supplemento camera singola 150 €
Min 4 – Max 7 partecipanti

La quota comprende
7 pernottamenti in camera doppia B&B hotel **/***
Tutte le escursioni trekking guidate
Tutte le visite guidate dei paesi
Tutti i trasferimenti in minibus sull’Isola
Biglietto traghetto passeggero Livorno-Bastia A/R
Minibus sempre a disposizione sull’Isola
Guida sempre con il gruppo
Assicurazione

La quota non comprende
Pranzi e cene


INFO e PRENOTAZIONI
Tel. e Fax +39 0565 976707
Mob +39 333 2653079
Mail: info@econauta.net
www.econauta.net